COME LEGGERE LE ETICHETTE DEL PETFOOD PER CAPIRE SE IL CIÒ CHE STIAMO ACQUISTANDO È UN PRODOTTO VERAMENTE SANO E ARTIGIANALE?

L’offerta sul mercato è tanta e in continua crescita perché sempre più persone stanno scegliendo di essere attente a cosa danno da mangiare ai loro amici a 4 zampe. Ma non sempre nella ciotola c’è quello che crediamo.

Per molti anni il cibo industriale per cani e gatti è stato appannaggio di alcune multinazionali, che a stento hanno applicato standard etici alla loro filiera produttiva. Fino a qualche anno fa il petfood era l’ultimo stadio della lavorazione alimentare, prodotto con ciò che restava degli scarti della fabbricazione del cibo per esseri umani. Fortunatamente la sensibilizzazione sul tema dell’alimentazione animale ha permesso la nascita di molti piccoli laboratori che propongono un differente tipo di cibo. Ma come tutto quello che diventa popolare dobbiamo sempre prestare attenzione a ciò che ci viene venduto.

COME LEGGERE LE ETICHETTE DEL PETFOOD

Non vogliamo fare una lezione di chimica o di norme igienico-sanitarie nel settore alimentare, ma spiegare i punti essenziali per capire se quello che state acquistando è effettivamente quello che marketing e pubblicità descrivono.

I conservanti

I conservanti sono dei componenti chimici che vengono aggiunti a dei prodotti, sia alimentari che di altro tipo, per permetterne una durata maggiore ed evitare il deperimento. Spesso il fatto che un prodotto sia dichiarato “senza conservanti” ci fa pensare automaticamente ad una cosa naturale e sana, ma non sempre quella scritta rappresenta la verità. Infatti, i conservanti possono essere già presenti nelle materie prime utilizzate. Quindi, è vero che non sono stati aggiunti conservanti, ma semplicemente perché c’erano già. La data di scadenza dovrebbe essere un indicatore affidabile della presenza o meno di conservanti nel petfood. Di solito un prodotto senza conservanti non può durare più di 6 mesi senza irrancidire.

Le ceneri

Le ceneri indicano della presenza di minerali ossei nell’alimento, misurano cioè quello che resterebbe dopo l’incenerimento ad alte temperature dell’alimento. La quantità ottimale è inferiore a 5, ad indicare che sono presenti ossa per fornire la giusta razione di calcio nella dieta, ma che il rimanente è carne, tendini e grassi che le alte temperature disintegrano. Quando, invece troviamo ceneri per una quantità che va tra 8 e 10 possiamo essere quasi certi che non ci sia carne fresca o disidratata, ma farine animali derivate da carcasse e scarti della macellazione.

Gli additivi

Le materie prime fresche ad uso umano contengono naturalmente vitamine e sali minerali. Una lavorazione rispettosa delle loro caratteristiche fa sì che la maggior parte di questi preziosi nutrienti non si disperda. Al contrario, lavorazioni aggressive richiedono che gli elementi nutritivi vengano reintegrati e rafforzati con additivi. Usano, cioè, vitamine e sali minerali di sintesi, meno efficaci di quelli naturali.

IL PREZZO E LA FILIERA PRODUTTIVA SONO INDICATORI DELLA QUALITÀ DEL PETFOOD

perfood artigianale come leggere l'etichetta

Si può capire facilmente che produrre del petfood a partire da carne fresca, non ha lo stesso costo di partenza che avrebbe utilizzando farine ricavate dagli scarti dei macelli. Quindi, è sempre bene porsi delle domande se la percentuale di carne dichiarata è stranamente alta e il prezzo non lo è in proporzione. E ricordiamoci che non vale la regola del “più ce n’è, meglio è”: deve sempre esserci il giusto equilibrio tra gli ingredienti.

Un altro punto di attenzione è la filiera produttiva. Non sempre chi dichiara di vendere prodotti artigianali ne gestisce anche la produzione: a volte li acquista da altri laboratori e ne personalizza il packaging. Per capire se un’azienda produce tutto basta un’occhiata ai social e al sito web, solitamente chi ha un laboratorio e una cucina mostra la qualità del proprio operato con foto e video di lavorazione. Ma la prova può essere anche la richiesta di ricette personalizzate che richiedono la modifica di uno o più ingredienti o una diversa grammatura del prodotto.

CON I PRODOTTI PAPPAMIA! SAI SEMPRE COSA METTI NELLA CIOTOLA

Prova i nostri snack naturali o gli alimenti umidi!

Comments ()

Product added to wishlist
Prodotto aggiunto alla comparazione

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza sul nostro sito web. Per maggiori informazioni: Cookie e Privacy Policy.